Top
Saul Bass, l’uomo con il braccio d’oro
fade
84
single,single-post,postid-84,single-format-standard,eltd-core-1.0,flow-ver-1.1,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1480,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11,vc_responsive

Saul Bass, l’uomo con il braccio d’oro

Saul Bass è stato un geniale graphic artist: art director, illustratore, animatore, designer, pubblicitario. Era una di quelle figure ibride delle arti visuali che le scuole non sanno raccontare, perché apparentemente inclassificabile. Una sorta di progettista rinascimentale, capace di spaziare dalla grafica all’illustrazione senza nessun problema.

Il suo nome è legato soprattutto al mondo del cinema per il quale realizzò dei titoli di testa memorabili che ne cambiarono totalmente la funzione: da semplici informazioni su chi aveva realizzato il film, scritte su fotogrammi statici, a veri e propri corti animati che introducevano lo spettatore alla visione, creando emozione e aspettativa non appena le luci della sala si abbassavano.
Aveva cominciato a lavorare realizzando poster per le case cinematografiche e fu Otto Preminger che, affascinato dal suo lavoro (iconico e ironico), gli commissionò la prima sequenza di testa per un film: era il 1954.

Titoli di testa per “Bonjour Tristesse”

Schindler's List

Da quel giorno lavorò con Billy Wilder, Alfred Hitchcock, Stanley Kubrick, Martin Scorsese, Steven Spielberg in film come: “Bonjour Tristesse”, “L’uomo dal braccio d’oro”, “Quando la moglie è in vacanza”, “La donna che visse due volte”, “Il giro del mondo in 80 giorni”, “Spartacus”, “West Side Story”, “Questo pazzo, pazzo mondo”, “La guerra dei Roses”, “Quei bravi ragazzi”, “L’eta dell’innocenza”, “Casinò” e molti altri.

 

Poster per “L’uomo dal braccio d’oro”

Un’altra delle sue caratteristiche è che tutto il suo lavoro è una delle rappresentazioni più azzeccate della New York a cavallo degli anni 50 e 60 e si lega indissolubilmente alla città in cui era nato.

Negli anni 80 e 90 è stato protagonista della grafica statunitense, lavoro ai marchi di grandi aziende internazionali, realizzando dei poster per le Olimpiadi di Los Angeles del 1984 che resteranno famosi e continuando, come abbiamo visto, a lavorare per il cinema.

Questa la raccolta delle sue famose sequenze animate sul sito Notcoming e sul sito SaulBass.tv

Questo il sito ufficiale che raccoglie la sua opera con la sua sterminata produzione grafica (loghi, libri per bambini, pubblicità, mostre): saul-bass.com

e una raccolta di poster da lui realizzati per il cinema

 


No Comments

Post a Comment